• Grande successo all'Open Day di Orange Academy

    Grande successo all'Open Day di Orange Academy

    Leggi
  • Al Pianeta Viola il progetto "Il gioco: spazio vitale per il bambino"

    Al Pianeta Viola il progetto "Il gioco: spazio vitale per il bambino"

    Leggi
News

Paternoster: "In campo sempre per vincere, segnali positivi di ragazzi"

29 Ago

“Ai tifosi neroarancio prometto dedizione. Questa squadra metterà in campo il 110%, provando a vincere tutte le gare”. C’è fiducia ed entusiasmo nella voce di Antonio Paternoster, in vista della nuova stagione in A2.  L’allenatore della Viola Reggio Calabria è intervenuto alla trasmissione ‘Break in sport’ di Radio Antenna Febea, raccontando le sensazioni maturate in questo periodo di preparazione e indicando gli obiettivi della squadra che affronterà nei prossimi giorni i primi test precampionato, prima di esordire il 2 ottobre sul parquet di Agropoli.

“Dai ragazzi sto ricevendo segnali positivi. Loro sono motivatissimi”, ha affermato Paternoster, il quale successivamente ha fatto un bilancio sul mercato neroarancio, soffermandosi allo stesso tempo sulle potenzialità del gruppo che sul campo - ha annunciato l’allenatore -  sarà guidato da Agustin Fabi, in qualità di capitano. “La squadra - ha proseguito il coach della Viola - è stata rifondata. Con Gaetano Condello abbiamo costruito una squadra secondo i dettami che ci eravamo prefissati: un gruppo giovane, con giocatori che vogliono migliorarsi. Siamo riusciti, secondo me, a costruire un buon roster. Adesso sarà il campo a stabilire dove potremo arrivare. Occorrerà tantissimo lavoro per fare diventare questo gruppo di ragazzi una squadra. Le premesse sono ottime”.

Per conquistare punti su punti Paternoster punta sul fattore campo e sugli under: “Il mio sogno è giocare in un PalaPentimele sold out. L’ago della bilancia  -  ha spiegato il tecnico - in questa stagione sarà rappresentato anche dai debuttanti: se gli under dimostreranno di reggere bene il campo, sicuramente avremo la possibilità di ruotare dieci atleti. Il tempo premierà comunque la nostra scelta di puntare sui giovani. Ci vuole coraggio e tempo”.