• Grande successo all'Open Day di Orange Academy

    Grande successo all'Open Day di Orange Academy

    Leggi
  • Al Pianeta Viola il progetto "Il gioco: spazio vitale per il bambino"

    Al Pianeta Viola il progetto "Il gioco: spazio vitale per il bambino"

    Leggi
News

Marulli: "Niente calcoli. Conta solo vincere"

12 Apr

“Non c’è tempo di fare calcoli. Bisogna concentrarsi sul presente, affrontando partita dopo partita”. E’ questa la filosofia indicata da Roberto Marulli per affrontare questo finale di stagione.

Il playmaker della Viola Reggio Calabria, in collegamento con la trasmissione ‘Tutti figli di Campanaro’ di Radio Touring 104, ha parlato del prossimo impegno in campionato, che vedrà i neroarancio sfidare, sul parquet di casa, Scafati. Una gara importante in chiave salvezza.

“Stiamo bene, siamo carichi, consapevoli della nostra posizione e di quello che dobbiamo fare”, ha spiegato l’atleta classe ‘91. “Siamo convinti di poter raggiungere il nostro obiettivo, a partire da sabato, quando affronteremo Scafati. Occorre mettere in cassaforte la salvezza matematica per poi concentrarci sui playout”.

Nel corso dell’intervista, il giocatore della Viola ha analizzato i punti di forza e le caratteristiche dei campani, prossimi avversari al PalaCalafiore: “Chiunque avrebbe pronosticato una Scafati nella parte alta della classifica. Nonostante la loro attuale posizione e i cambiamenti fatti, il roster rimane di qualità. E’ un’ottima squadra. Noi – ha sottolineato il play neroarancio – dovremo essere bravi a guardare a noi stessi, entrando in campo per fare risultato e ottenere i due punti”.

Marulli è poi tornato sul match della scorsa settimana, perso in trasferta contro Trapani: “Nel momento di difficoltà ci siamo disuniti, cercando troppe soluzioni individuali, invece di continuare a fare un lavoro di squadra. Abbiamo subito il loro break; da qual momento in poi non siamo riusciti a riprendere in mano la situazione e a ripartire.  Loro – ha aggiunto – hanno preparato molto bene la partita su Voskuil e Powell, che sono i nostri terminali offensivi principali, e di conseguenza hanno limitato tutti noi”.